BURNING WATER - ACQUA CHE BRUCIA

Burning Water è la sezione di IMAGINARIUM in cui vengono esposti i lavori dell’omonimo concorso organizzato nel 2013 da AnoMALI Festival, in collaborazione con l’Associazione Culturale Campo di Carte e la libreria Cibrario di Acqui Terme. “è sempre lei” è arrivata tra le prime 15 in concorso ed è stata esposta alla mostra “Acqua che Brucia“ presso il Museo Luzzati.

Il Canto Imbottigliato

Le sirene di questo mare possono bere solo acqua salata. La nostra sirena anziana protagonista dell'illustrazione, non ne può più della sua vita da sirena poiché è tormentata da tutte le urla degli uomini che ha ammaliato (li troviamo tra le onde). Decide quindi di bere dell'acqua dolce, affrontando il dolore che questo provoca: l'acqua farà bruciare la sua coda trasformandola in essere umano, infatti le sono già spuntate le natiche.

E poi ci sono i pescecani.

E' sempre lei

La ragazza allunga il braccio per sentire l'acqua che, inaspettatamente, brucia. Proprio come quando pensiamo di conoscere qualcuno a fondo ma ogni tanto ci fa del male, ci brucia. Ma chi è questo questo qualcuno? Siamo noi stessi che pensiamo di conoscerci ma rischiamo di farci del male senza rendercene conto.

La pioggia rappresenta simbolicamente lei stessa, che raccoglie tutto questo dolore "nei suoi stivali" e si rende conto di tutto questo poiché riesce a guardarsi da fuori.

Graficamente abbiamo gli stessi elementi che si ripetono: gli occhi sono la testa ruotata e specchiata, gli stivali sono il braccio ruotato e specchiato.

Mao! Il sogno felino

Che l'acqua si trasformi in fuoco

Che i pesci abbrustoliscano

Che i gatti si sazino